Comunicazione ai sensi del Regolamento (UE) 2019/2088

Comunicazione ai sensi del Regolamento (UE) 2019/2088 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 novembre 2019 relativo all’informativa sulla sostenibilità nel settore dei servizi finanziari

Premessa

Real Estate Asset Management SGR S.p.A. (di seguito anche la “SGR” o la “Società”) pubblica la presente comunicazione in conformità alle previsioni degli articoli 3, 4 e 5 del Regolamento (UE) 2019/2088 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 novembre 2019 cosiddetto SFDR (Sustainable Finance Disclosure Regulation) sui fattori di sostenibilità ESG (Environment, Social e Governance).

Gli intermediari che impiegano meno di 500 dipendenti possono adottare un approccio cosiddetto “comply or explain” in merito alle previsioni della predetta normativa europea, ossia dichiarare alternativamente se considerano i principali effetti negativi delle decisioni di investimento sui fattori di sostenibilità, indicando le Policy adottate, le metodologie utilizzate, i principali effetti negativi identificati e le eventuali azioni correttive già individuate, oppure dichiarare se non considerano i principali effetti negativi delle decisioni di investimento sui fattori di sostenibilità, specificando le motivazioni per cui non sono presi in considerazione e le eventuali tempistiche entro cui intenderanno prendere in considerazione tali effetti negativi.

 Comunicazione in merito alla mancata considerazione degli effetti negativi sui fattori di sostenibilità ai sensi del Regolamento (UE) 2019/2088

La SGR, alla data di redazione della presente comunicazione, non considera i principali effetti negativi delle decisioni di investimento sui seguenti fattori di sostenibilità: i) problematiche ambientali; ii) tematiche sociali; iii) aspetti concernenti il rispetto dei diritti umani e iv) tematiche attinenti alla lotta alla corruzione attiva e passiva, poiché la stessa intende valutare appieno il complessivo quadro normativo, con particolare riferimento ai Regulatory Technical Standards (cosiddetti “RTS”) e adottare conseguentemente un modello adeguato a considerare i principali effetti negativi delle decisioni di investimento in merito ai predetti fattori di sostenibilità.

La presente dichiarazione è rilasciata per il periodo relativo all’esercizio sociale 2021. La SGR prevede, nei prossimi esercizi, di prendere in considerazione i principali effetti negativi delle decisioni di investimento sui fattori di sostenibilità ambientale e sociale ai sensi del citato Regolamento (UE) 2019/2088.

In particolare, la Società ha intrapreso un percorso volto ad adottare una Policy in materia di sostenibilità ambientale, sociale e di governance applicabile a livello di Società e di prodotto. L’obiettivo è di adottare un approccio mirato alla responsabilità sociale e ambientale, creando valore per tutti gli stakeholder, ossia gli investitori dei FIA, i conduttori degli asset gestiti, nonché le comunità in cui questi sono inseriti.

La SGR intende inoltre proseguire il processo, già avviato, di aggiornamento del corpus procedurale interno al fine di tenere in considerazione gli effetti negativi delle decisioni di investimento sui fattori ESG e, in particolare, della Procedura attinente al processo di investimento e di disinvestimento, della Policy di gestione dei rischi e delle Politiche di remunerazione, che al momento non sono ancora specificamente definite in funzione dell’integrazione dei rischi di sostenibilità nei processi decisionali relativi agli investimenti dei FIA.

Torino, 10 marzo 2021